La couperose, come prevenirla e curarla

Un fastidioso inestetismo della pelle, per lo più quella del viso, che porta alla formazione di chiastre rossastre. Stiamo parlando della couperose, una lesione cutanea che si presenta in seguito ad una dilatazione anomala dei capillari sanguigni. Sebbene sia causata dall’eccessiva porosità e fragilità dei vasi sanguigni, non viene considerata una vera e propria patologia.

La couperose, però, è considerata anche la prima fase di un disturbo più complesso che si chiama acne rosacea, una vera e propria malattia della pelle causata da delle lesioni papulo pustolose. Il termine couperose deriva dal latino “cupri rosa”, ovvero rosa di rame. I suoi arrossamenti cutanei colpiscono in prevalenza le donne a partire dai 25 anni di età ma per il 20% anche gli uomini.

L’importanza della prevenzione

La prevenzione assume un ruolo fondamentale per evitare che la couperose possa evolversi in una vera e propria patologia più grave. E’ per questo che adottare uno stile di vita sano e regolare, seguire un’alimentazione adeguata e bilanciata, povera di caffè ed alcolici, può essere di particolare aiuto per prevenire questo disturbo. E’ sconsigliato, inoltre, anche l’uso di cosmetici irritanti ed aggressivi che danneggiano la pelle provocando sensibilizzazione.

La cute, inoltre, dev’essere sempre adeguatamente protetta dalle radiazioni UV, dal freddo e dal caldo eccessivo. Questi agenti atmosferici, infatti, sono in grado di provocare un grosso peggioramento nelle manifestazioni cliniche della couperose.

I rimedi alla couperose

Generalmente il trattamento della couperose rimane prettamente di tipo estetico. Nei casi più gravi in cui si assiste ad un’evoluzione in rosacea, tuttavia, il dermatologo può prescrivere al paziente una terapia farmacologica e consigliare, anche in abbinamento alla cura, il ricorso a dei trattamenti di dermoestetica. In un secondo tempo, inoltre, il medico specialista potrà consigliare delle creme per il viso ad azione antinfiammatoria e disinfettante.

Esistono infatti delle creme naturali che possono alleviare questo disturbo. Molto efficace è la camomilla che, in una crema anti couperose, agisce grazie alle proprietà lenitive ed antiarrossamento. Anche la calendula, la malva e la liquirizia sono degli ottimi rimedi naturali per via delle loro proprietà decongestionanti ed antinfiammatorie. Infine anche piante come la centella asiatica, il rusco, il mirtillo e l‘ippocastano vanno a stimolare la macrocircolazione sottocutanea diminuendo così l’edema ed il gonfiore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *